Games.it » PC Games » News » Utene disabile vittima di bulli riceve donazioni per migliaia di dollari via Twitch

Utene disabile vittima di bulli riceve donazioni per migliaia di dollari via Twitch

Un utente disabile è vittima di bullismo virtuale, ma la community lo sostiene pagandogli le cure

21 aprile 2017 - di Marco Mancini

A volte le community di gamer si rendono protagoniste di storie davvero commoventi. Nonostante le tante brutte vicende che ogni tanto vengono associate ai videogiochi violenti, questa storia proveniente dagli USA dimostra ancora una volta che i gamer possono avere un cuore grande così.

Utene disabile vittima di bulli riceve donazioni per migliaia di dollari via Twitch

La vicenda ha visto come protagonista il twitcher 17enne Adam Bahriz, nome utente Loop. Adam è un giocatore di Counter Strike: Global Offensive, ed è purtroppo affetto da una patologia rara, una neuropatia sensoriale ereditaria (HSAN) che, tra le altre cose, gli ha fatto perdere i denti. A causa di questa malattia ha qualche difficoltà a parlare e, di conseguenza, a farsi capire dai suoi compagni di squadra.

Durante una partita a CS:GO ha avvisato i suoi compagni della sua condizione, come ha sempre fatto, sin dai primi minuti. Di solito gli altri utenti lo rispettano e continuano a giocare normalmente con lui. Questa volta è andata diversamente. Come dimostra il video qui sotto, prima un paio di compagni lo hanno umiliato chiedendogli di stare zitto, poi hanno votato per il "kick", cioè sbatterlo fuori dalla partita, perché non comunicava con loro.

Alla momentanea disperazione del ragazzo per l'umiliazione subita, è però seguito il "miracolo della rete". Quasi a volerlo risarcire di quanto sta passando, alcuni utenti hanno cominciato a fare donazioni sul suo account. Chi pochi dollari, chi addirittura 500 per volta. Alla fine Adam ha raccolto un enorme gruzzoletto che continua a crescere ancora oggi. L'utente ha scritto un comunicato sul suo profilo nel quale ringrazia tutti quelli che hanno effettuato la donazione, riferendo anche che, grazie a loro, ora potrà pagarsi l'operazione per risolvere il suo problema nell'unica clinica disponibile in tutto il Paese.