Games.it » Sony » Ps4 » Recensioni » Knack 2 - Recensione

Knack 2 - Recensione

Knack è tornato... e non è più solo!

5 settembre 2017 - di Redazione Games
  • Piattaforma: PlayStation 4
  • Genere: action-platform
  • Sviluppatore: SIE Japan Studio
  • Distributore: Sony Interactive Entertainment
  • Numero giocatori: 1-2
  • Età consigliata: 7+
  • Prezzo: 39.99€
  • Data di uscita: 06/09/2017

Voto della redazione

6,8

Voto dei lettori

Articolo a cura di Domenico De Rosa

Dopo un non proprio memorabile primo capitolo, che debuttò in occasione del lancio di PlayStation 4, SIE Japan Studio ha deciso di riprovarci ancora una volta, proponendo il sequel di Knack. Arricchito con nuove meccaniche di gioco e una componente co-op locale, il nuovo Knack 2 ha lo scopo di dare una spinta al franchise e far eleggere Knack come nuova icona del mondo PlayStation. Il problema è che nonostante tutti i buoni propositi, Knack 2 non è riuscito a scrollarsi di dosso le scorie del suo predecessore. Tutto sommato però il gioco resta un buon platform, che sicuramente avrebbe potuto dare e lasciare qualcosa di più ai giocatori. Questa sembra più la conclusione e non l'introduzione della recensione dedicaca a Knack 2, ma forse è meglio dire fin da subito come stanno realmente le cose.

Il mondo è nuovamente in pericolo

Tempi duri per la città di Newhaven e per il Mondo intero. Un'antica minaccia è tornata dal passato ed è pronta a eliminare tutti gli esseri umani! Circa 200 anni fa un manipolo di uomini riuscì a fermare gli Alti Goblin e il loro esercito robotico. Centinaia di anni dopo, la battaglia sta per ripetersi e la minaccia di antichi e nuovi robot fa presagire tempi bui per la razza umana. Dalla "nostra" parte però questa volta avremo il mitico Knack, che insieme al suo gruppo di amici è pronto a contrastare i risvegliati guerrieri meccanici. Knack 2 si presenta come un gioco action che unisce sequenze di puro platform e sequenze composte da puzzle ambientali. Il vero problema è che ognuno di questi aspetti è stato curato davvero poco, proponendo di fatto un gameplay semplice e spesse volte molto banale. Le sequenze platform tentano di emulare titoli dal passato glorioso (vedi tale Crash Bandicoot), ma superarle non è stato molto complicato: piattaforme che si muovono o spariscono e pareti che si abbassano... roba già vista e rivista. I puzzle ambientali invece si sono presentati con una difficoltà poco elevata e spesse volte sono stati addirittura fin troppo irritanti, tanto che a mio avviso gli sviluppatori potevano direttamente evitare di inserirli. Il sistema di combattimento presente è stato invece migliorato rispetto al primo Knack, ma nonostante ciò risulta essere ancora troppo povero (viene detto addirittura nel gioco da un odei protagonisti). Knack può dare calci, pugni, parare o evitare colpi e imparare nuovi attacchi nel corso del gioco o tramite un nuovo Skill Tree, ma i combattimenti risultano essere sempre poco spettacolari e fin troppo "platform". I nemici, che si dividono in goblin e vari robot, presentano poche tipologie di attacchi e una volta imparati i loro movimenti e le il loro stile di combattimento, risulta abbastanza facile metterli KO. Ciò non vuol dire però che ogni combattimenti sarà risolvibile in pochi secondi, visto che alcuni nemici, soprattutto quelli di natura robotica, presenteranno non poche difficoltà e abbatterli costerà un po' di fatica. Anche Knack però ha una sua particolare natura, essendo il risultato di alcuni esperimenti e dalla sua può contare su numerose abilità. In primis, il robottino può aumentare le sue dimensioni grazie ai reperti che troveremo lungo il nostro cammino: ciò si traduce con l'aumento della sua resistenza e della sua forza. Più Knack diventa grosso, più diventa pericoloso... per gli avversari. Ogni volta che Knack viene danneggiato, perde parte dei suoi "pezzi", che però tornano al loro posto se evitiamo di subire danni per qualche secondo. Mini-Knack è invece molto debole e può essere ammazzato con un singolo colpo, quindi conviene fare maggiore attenzione. Grazie alla semplice pressione di un tasto (R1), possiamo passare automaticamente da Knack "piccolo" a Knack "grande" e questa meccanica influisce molto sul gameplay, dato che Mini-Knack può passare in cunicoli stretti o saltare su piccole sporgenze, per poi tornare normale in un batter d'occhio. Inoltre, Knack può potenziare ulteriormente il suo corpo con varie tipologie di cristalli, che doneranno una corazza e abilità aggiuntive al nostro piccolo-grande eroe, ma solo nella sua forma "gigante". Un esempio è il ritorno di "Knack Invisibile", cui abilità gli permette di attraversare i raggi laser riflettendoli sul suo corpo di cristallo, evitando così di subire danni. Tanti nuovi elementi dunque, ma purtroppo sembrerebbe essere ancora poco rispetto ad altri action-platform passati e presenti.

knack-2-recensione

Corridoio... stanza... ripeti!

Come detto prima, nonostante le novità e i miglioramenti proposti, Knack 2 ha ereditato dal suo predecessore i limiti legati alle aree di gioco disponibili. Per chi approccia per la prima volta verso il titolo, l'ambientazione circostante e ciò che si estende alla vista potrebbe sembrare veramente ampio. Dal punto di vista grafico è difficile criticare il nuovo Knack, dato che sia i personaggi che tutto ciò che li circonda è stato realizzato con dettagli molto evidenti e ben definiti. Il problema è che l'avanzamento verso le varie zone che compongono il gioco è praticamente sempre lo stesso: corridoio, stanza, corridoio, stanza... così all'infinito. Dunque, Knack si muove verso la prossima area di gioco, ovvero una grossa "stanza" composta da nemici da abbattere o puzzle ambientali da risolvere per poter proseguire verso la zona successiva. Nel primo caso, per "sbloccare" il percorsa bisogna necessariamente sconfiggere tutti i nemici, dato che è praticamente impossibile andare avanti; nel secondo caso invece, bisogna risolvere una serie di rompicapo ambientali per poter andare avanzare nel livello. Attraversando poi un corridoio, ovvero un percorso privo di insidie e spesse volte molto panoramico, si arriva alla prossima stanza "chiusa", che nasconde le solite insidie da superare per poter andare avanti. Un po' troppo ripetitivo e limitativo! A rompere questo "equilibrio", troviamo ogni tanto dei passaggi segreti, attraversabili solo da Mini-Knack: questi nascondono forzieri che contengono pezzi di gadget che una volta assembrati risulteranno utili nel corso dell'avventura. Bisogna ammettere che trovare questi cunicoli non è poi tanto difficile, ma almeno viene garantito un briciolo di esplorazione a un gameplay un po' piatto e monotono. Gameplay che viene eseguito con un frame rate abbastanza stabile e che può essere bloccato a 30 frame al secondo tramite le opzioni di gioco. Evitando di impostare ciò, potrebbero verificarsi dei cali di fps, soprattutto nelle sequenze ricche di nemici. 

Vedi le foto: Knack 2

Due Knack is megl che one

Di tutte le novità presenti in Knack 2, quella che forse può essere considerata la più significativa, nonché quella più apprezzabile, è sicuramente l'introduzione della componente co-op locale, che garantisce a un secondo giocatore di unirsi alla partita in qualunque momento, permettendo allo stesso tempo di lasciarla a suo piacimento. Bisogna fare una precisazione: il secondo Knack che viene generato da quello originale (di colore blu) non influirà minimamente sulla storia del gioco e infatti, nelle cut-scene è praticamente assente. Detto ciò, a giovarne è sicuramente il gameplay, che diventa più caotico (in senso positivo) e con un livello di difficoltà superiore. I due Knack dovranno dunque affrontare più nemici, ma dalla loro parte avranno a disposizione una serie di combo utili in battaglia. Colpendo uno dei due robot, lo si scaglierà contro gli avversari, mentre utilizzando su di lui la raffica di pugni, sarà possibile "sparare" in tutte le direzioni i suoi reperti, colpendo un gran numero di nemici. Purtroppo tale meccanica "combo" sarebbe da rivedere, perché nelle fasi più intense di combattimento capiterà sicuramente di colpire il proprio alleato senza volerlo, sbalzandolo lontano e creando problemi all'inquadratura. Giocare in co-op ha anche un altro lato positivo, ovvero rivitalizzare un gameplay che agli occhi di molti risulterebbe quasi sicuramente troppo lento e ripetitivo. Ovviamente, dato che il secondo Knack non è per nulla un personaggio canonico, verrà generato con le stesse abilità del Knack base, incrementerà la sua altezza insieme a lui e otterrà gli stessi progressi dell'originale. Giocare con due Knack è risultato davvero più divertente! 

Vedi le foto: Knack 2

Conclusione

Knack 2 aveva una missione, ovvero non farci rimpiangere gli action-platform del passato, ma purtroppo questa missione è ampiamente fallita. Knack 2 doveva dare quella spinta necessaria al personaggio di Knack per farlo arrivare ai livelli di icone quali Crash, Spyro, Racket e Clank e personaggi del loro calibro, ma ha fallito anche in questo. Cosa rappresenta allora il gioco? Semplice: un buon platform con delle meccaniche interessanti, ma al tempo stesso fin troppo ripetitivo. Un vero peccato perché sia il gioco che il personaggio potevano dire la loro in un periodo dove la nostalgia di icone videoludiche passate ha portato alla realizzazione di remastered volute dai fan (Crash Bandicoot N. Sante Trilogy), che chiedono al tempo stesso a gran voce anche il ritorno di Spyro e Jack and Daxter, ovvero tutte le vecchie glorie che hanno lasciato qualcosa di speciale. Menzione a parte per l'inserimento del co-op, che nonostante sia una meccanica di contorno anziché una portata principale, garantisce sessioni di gioco divertenti e molto coinvolgenti. In conclusione, Knack 2 non deve essere per forza lasciato sullo scaffale, perché sia coloro che hanno giocato il primo capitolo, sia quelli desiderosi di passare qualche ora in compagnia di un amico, possono investire tranquillamente i 40 euro necessari per l'acquisto. Il prezzo budget è un altro degli aspetti positivi del gioco, che potrebbe spingere i giocatori a dare una chance al piccolo-grande Knack. Sicuramente mi avrebbe fatto piacere scrivere che avreste spalancato la bocca davanti a Knack 2, ma ahimè, la mandibola vi si aprirà solo a metà! Se mai ci sarà un Knack 3, bisognerà rivedere molte cose!