Games.it » Sony » Ps4 » Recensioni » MLB The Show 17 - Recensione

MLB The Show 17 - Recensione

Road to the Show

1 aprile 2017 - di Redazione Games
  • Piattaforma: PlayStation 4
  • Genere: Sportivo
  • Sviluppatore: Sony San Diego Studio
  • Distributore: Sony
  • Numero giocatori: 1-Multi
  • Età consigliata: 3+
  • Prezzo: € 49,99
  • Data di uscita: 28 marzo 2017

Voto della redazione

8,7

Voto dei lettori

Articolo a cura di Samuele Zaboi

Nel vasto universo degli sport americani, accanto all’NFL (il football americano), la NHL (hockey su ghiaccio) e, naturalmente, l’NBA, non manca di certo l’MLB, forse lo sport meno seguito qui in Europa tra quelli già nominati. Stiamo parlando, per chi fosse del tutto estraneo all’argomento, del baseball che, come sempre, anche quest’anno torna con la sua controparte videoludica.
Il diamante vi aspetta, che lo show abbia inizio!


Tutto al nono inning

In questa recensione non andremo ad analizzare quello che è il regolamento del gioco del baseball ma ci soffermeremo in particolar modo sulle caratteristiche del titolo, i suoi pregi, i suoi difetti e le sue peculiarità, come fatto per tutti i titoli sportivi nonostante questo sia meno conosciuto e noto presso i nostri lidi.
MLB The Show 17, esclusiva PlayStation 4, ha l’obiettivo di portarvi in un batter d’occhio nel cuore del baseball, farvi vivere l’emozione del diamante. Missione riuscita? Scopriamolo insieme.

Vedi le foto: MLB The Show 17

Il gioco, curato e sviluppato da Sony San Diego Studio, presenta diverse modalità tra le quali potrete trovare la vostra esperienza definitiva. Fiore all’occhiello è però senza dubbio Road to The Show: qui, con il vostro alter ego, che potrete creare liberamente da zero, inizierete a intraprendere il cammino verso il successo e verso la fama, per diventare il miglior giocatore di baseball di tutto il mondo. Una volta creato il vostro “personaggio” (potrete partire da una base già pre-caricata oppure cimentarvi nel sistema di creazione pensato per voi) dovrete scegliere il ruolo e la Conference nella quale iniziare la vostra carriera. Naturalmente, come accade per i giochi di calcio dove il ruolo maggiormente scelto è quello dell’attaccante, in MLB the Show 17 il ruolo del lanciatore vi permetterà di essere, anche letteralmente, al centro del gioco e prendere parte a ogni inning, a patto che le prestazioni convincano il coach a tenervi in campo senza sostituirvi.
A ogni giocata sarà possibile guadagnare dei punti esperienza che potranno poi essere utilizzati nella speciale schermata di allenamento: questi andranno spesi per migliorare le caratteristiche del vostro giocatore. Starà a voi decidere se colmare le vostre lacune oppure aumentare maggiormente i punti di forza.
Oltre all’aspetto prettamente di campo, non mancano alcuni elementa “extra” che vanno sicuramente ad arricchire l’esperienza di gioco. Nel corso del vostro cammino avrete infatti a che fare con procuratori, agenti pubblicitari e, naturalmente, allenatori. Con loro ci saranno dei veri e proprio dialoghi che vi consentiranno di scegliere tra alcune risposte possibili. A seconda della vostra decisione, avverrà una reazione (seppur minima) nel vostro interlocutore. Se da un lato questo aspetto va sicuramente premiato, è pur vero che alla lunga le battute si differenziano poco tra loro limitandosi a una mera ripetizione. Il vostro cammino verso il successo partirà dalle leghe minori e dai campi di periferie e starà solo a voi riuscire a scalare la montagna per raggiungere la vetta dell’MLB.
Accanto a questa modalità, sicuramente la più immersiva, non manca quella denominata “franchise” che vi metterà al comando di una squadra per vincere il campionato. Qui naturalmente non controllerete un solo giocatore ma avrete l’intera gestione della rosa per tutta la durata della partita. Ultima degna di nota, ma non per questo meno importante, è la modalità Retrò, per rivivere le gesta e i colpi vincenti di Ken Griffey Jr “The Kid” in una veste totalmente "diversa" e che sarà amata dai più nostalgici. Qui sono stati studiati semplici comandi a due tasti che vi permetteranno di entrare pienamente nella storia di questo sport.

Vedi le foto: MLB The Show 17

Il baseball non è mai stato così facile

MLB The Show 17 è il gioco perfetto per chi ama e conosce già conosce questo sport ma anche i neofiti alle prime armi non avranno problemi a interfacciarsi, grazie al gameplay e ai comandi studiati da San Diego Studio. Prima di iniziare infatti potrete scegliere tra diverse opzioni, divise per situazioni di gioco: esistono infatti differenzino opzioni per le fasi di lancio, di battuta, di controllo della squadra e così via. Starà a voi selezionare quella che più si addice al vostro stile e al vostro grado di esperienza con il baseball.
Gli sviluppatori non hanno voluto lasciare nulla al caso. Tutto ciò che avviene sul campo di gioco, animazioni delle giocatori e del pubblico più vicino al diamante, è stato curato nei dettagli, come i campi “atmosferici” durante una stessa partita. Chiaramente non è possibile vedere la pioggia battente perché in caso di precipitazioni di una notevole intensità, una partita di baseball non viene disputata ma la luce del sole, diversa dal mattino, pomeriggio o sera, le nuvole del cielo o i diversi stadi sono stati ben realizzati, il tutto con una grafica che non vi lascerà spazio a troppe critiche. Da rivedere invece qualche fase di caricamento tra una situazione e l’altra di gioco: capiterà, non troppo di frequente, che tra un inning e l’altro il gioco soffrirà bloccandosi per qualche istante di secondo, non scorrendo più fluido come nelle altre occasioni.
Va detto che queste sono piccole inezie confronto all’esperienza complessiva, decisamente di alto livello. Non manca infine la possibilità di scegliere le musiche, i cori e il commento per MLB The Show 17: tutto è stato studiato per far sì che questo gioco sia il Vostro gioco di baseball.

Vedi le foto: MLB The Show 17

Commenti finali

MLB The Show 17 è un gioco che ci sentiamo di consigliare, anche se non avete mai avuto alcun approccio con il mondo del baseball. Ottimo livello grafico e di gameplay, esperienza di gioco ben studiata e coinvolgente e diverse modalità di gioco. Naturalmente manca la localizzazione in italiano ma questo non è certo una novità per i titolo di sport americani. Questo comunque non va rovinare in alcun modo il risultato finale, apprezzabile e degno di nota. Il diamante vi aspetta. Siete pronti?