Sei giochi GRATIS da provare su Steam: scaricali subito!

Volete qualcosa di nuovo da vedere? Su Steam ci sono altri sei giochi gratis da scaricare, provare e, nel caso, tenere tutta la vita.

Tante volte, guardando il backlog di giochi scaricati da provare ci si chiede come sia possibile arrivare a un numero così alto di titoli in poco tempo.

nuovi giochi gratis su steam
Volete picchiare un robot? (foto ComeBack Games) – games.it

La colpa è anche delle piattaforme come Steam che periodicamente mettono a disposizione giochi gratis oppure è colpa dei developer che decidono di incontrare i propri giocatori e le proprie giocatrici nella modalità free to play. Appartengono a questa seconda categoria i sei titoli che vi segnaliamo.

Titoli piuttosto piccoli che hanno dalla loro, oltre al fatto di essere gratuiti, anche per lo più una buona media recensioni. Alcuni sono più rifiniti di altri ma essendo a zero euro potete provarli anche senza guardare le recensioni e poi decidere se volete tenerli oppure no.

Giochi gratis su Steam, alla fine non ci capirete un tubo

Se siete fan dei titoli in cui lo scopo principale è quello di prendere a pugni nemici brutti e cattivi vi segnaliamo un gioco free to play rilasciato ha inizio marzo e con meccaniche decisamente promettenti. Si tratta di Bolt’N’Punch sviluppato da Comeback Game. L’ambientazione è una fabbrica di cibo in cui a quanto pare i robot incaricati di lavorare sono impazziti.

giochi gratis dove trovarli legalmente
Un Battle Royale con i mostri, c’è anche questo! (foto Dragonfly) – games.it

A contrastare questa specie di rivolta delle macchine Lyft, unica persona umana ancora presente all’interno della fabbrica. Armata di due pugni spaventosi, Lyft dovrà attraversare la fabbrica per scoprire dove è finito il suo capo e perché i robot si sono ribellati. Particolarmente divertente il trailer di presentazione.

È uscito sempre all’inizio del mese, ed è un gioco molto simile ai Pokémon, Duel Revolution. Forse c’è ancora qualcosa da mettere a punto ma la grafica in pixel Art che si ispira ai mostriciattoli da taschino con però diversi elementi e spunti nuovi vale la pena di essere provata. Non fosse altro che il team di sviluppo si è dato da fare per renderlo disponibile non solo su PC ma anche su dispositivi mobili Android e iOS. Si tratta di un MMO online: in pratica se Palworld vi ha stufato provate questo.

Special Force Legion of Monsters merita un premio anche solo per il titolo più lungo di sempre. Uscito il 29 febbraio e quindi anche lui piuttosto giovincello come videogioco si tratta di un mix tra sparatutto in stile Battle Royale e Monster Hunter. Il titolo ha oggettivamente bisogno di una buona dose di rifinitura con diversi utenti che si lamentano che neanche si riesce a finire il tutorial figurarsi e andare a giocare veramente, ma la premessa è stuzzicante quanto basta e i nemici soddisfacenti dal punto di vista estetico e per come vanno giù quando li colpite.

C’è invece un reality show al centro di Meta-Ghost: Prologue, dove lo scopo principale è picchiare l’avversario e abbatterlo il più rapidamente possibile. Per questo gioco, sviluppato da Galaxy Studio c’è da dire che si tratta della preview di un gioco che arriverà più avanti nel corso di quest’anno. Quelli che l’hanno provato e hanno voluto lasciare una recensione lo valutano perlopiù in maniera positiva con addirittura qualcuno che lo paragona ad Hades ma in versione cyberspazio con il multiplayer.

È tanto retrò ma anche tanto simile a Super Mario Kart invece Race Trap, titolo in accesso anticipato free to play arcade con una meccanica di carte che ricorda le partite più feroci a Uno che abbiate mai fatto. Se vi piace lo stile poligonale tagliato con l’accetta è il vostro gioco. L’ultimo gioco che vi segnaliamo è Pipe Escape. Puzzle 2D in un ambiente che diventa sempre più complicato. Con protagonista una chiave inglese rotante. Forse non il personaggio più chiacchierone mai visto ma la dinamica di rotazione perenne rende la soluzione dei vari livelli snervante. Snervante come certi livelli di Celeste. Provare per credere.

Impostazioni privacy