Volevate rigiocare i titoli PS2 senza emulazione? Sony ha tirato fuori l’asso di bastoni

Non ci sarà più bisogno dell’emulazione per giocare i grandi classici del periodo d’oro di PS2? Che ne pensano giocatori e giocatrici?

Il periodo d’oro di PS2 è passato e ora per chi vuole rivederlo l’alternativa è spesso quella di passare per gli emulatori. Un’area un po’ grigia del mondo dei videogiochi.

come giocare i titoli ps2 legalmente
PS2 su PS5? Un progetto Sony ci prova – games.it

Perché se possedete i giochi con cui volete giocare attraverso gli emulatori non c’è niente di male ma diverso è il discorso se invece magari ci sono dei titoli che non avete mai potuto provare e che invece trovate, per caso come si dice in queste situazioni, e li giocate attraverso gli emulatori online.

Sony, con la nuova collab che è stata annunciata, potrebbe finalmente dare retta alle tante richieste di quelli che vorrebbero rigiocare con i titoli del passato senza saltare in nessun cerchio di fuoco. La modalità scelta però ovviamente non piace a tutti.

I gloriosi anni di PS2 possono rivivere, ma a pagamento

La questione della retrocompatibilità è qualcosa su cui sia Sony sia Microsoft cercano di concentrarsi ma il minimo indispensabile (Nintendo fa storia a sè anche in questo) e con soluzioni che poi tanto retrocompatibli non sono. Per un lungo periodo di tempo, per esempio, chi si abbonava al Live Gold di Xbox aveva giochi gratuiti e tra questi giochi c’era sempre qualche chicca retro. Il Live Gold è poi scomparso, trasformato in Game Pass Core ma i giochi retro non sono ritornati. Si trovano adesso all’interno del catalogo e sono disponibili per tutti. Tutti quelli che ovviamente decidono di pagare.

la collab di sony per far rivivere i classici ps2
I grandi classici che tornano. Il progetto di Sony è chiaro – games.it

Sony sembra avere intenzione di seguire questa seconda via. La partnership con Implicit Conversions, società nota proprio per essere un punto di riferimento per gli emulatori, è un passo in questa direzione. Ma, ed è qui che alcuni giocatori storcono il naso, perché mettere i giochi all’interno di uno degli abbonamenti e non semplicemente permettere di giocare inserendo il disco? Una domanda tecnica che però è anche una domanda che ci riporta alla ormai sempre più diffusa discussione riguardo la conservazione dei videogiochi. Vedere tornare giocabili i titoli più famosi dell’epoca di PS2 è da sempre la richiesta più pressante da parte dei fan ed è anche il modo con cui tanti chiedono proprio di salvare i giochi dall’oblio digitale.

Tornando alla notizia della collaborazione di Sony con Implicit Conversions, si è aperto un piccolo giallo che riguarda la descrizione di ciò che la società sta al momento facendo. La loro pagina LinkedIn infatti recitava, prima, un chiaro riferimento a Sony mentre adesso c’è un più generico “clienti” e si fa menzione anche di Nintendo Switch e Xbox, che prima non erano inclusi. Tra i giocatori che stanno parlando online di questa collab intanto, i titoli per cui si incrociano le dita sono il primo Silent Hill, com’era al principio e non quando hanno tolto la nebbia, Sly Cooper, il primo titolo di Infamous e poi il gioco dei Simpson Hit and Run.

Impostazioni privacy